I gradi dell'aggettivo qualificativo

Morfologia > L'aggettivo qualificativo I gradi dell'aggettivo qualificativo Ricorda ! Come abbiamo visto, l’aggettivo qualificativo indica sempre una qualità o una caratteristica del nome a cui si riferisce. I diversi modi con cui l’aggettivo esprime questa qualità, si chiamano gradi dell’aggettivo qualificativo. I gradi dell’aggettivo qualificativo possono essere positivo, comparativo e superlativo. il grado positivo Il grado positivo esprime semplicemente la qualità del nome (alto), senza fare confronti. Il pioppo è alto. il grado comparativo Il grado comparativo esprime la qualità di un nome paragonandolo ad un altro nome; come puoi osservare sotto, esistono tre tipi di grado comparativo: di maggioranza (più alto), di minoranza (meno alto), di uguaglianza (alto come). Il cipresso è più alto del pioppo. Il noce è alto come il pioppo. Il melo è meno alto del pioppo. il grado superlativo Il grado superlativo esprime una qualità al massimo grado e può essere: relativo, quando mette a confronto uno con tutti gli altri componenti di un gruppo (L'abete è il più alto tra gli alberi del parco); assoluto, quando esalta al massimo il grado positivo (L'abete è altissimo). Attenzione ! Non confondere il superlativo relativo con il comparativo di maggioranza. Ricorda che il superlativo relativo richiede sempre l’articolo (per esempio: Diego è il giocatore più veloce della squadra). L'abete è il più alto tra gli alberi del parco. L'abete è altissimo. Ricorda ! Il superlativo assoluto di un aggettivo qualificativo si forma generalmente applicando al grado positivo il suffisso -issimo (altissimo, bellissimo, dolcissimo…), ma si può formare anche ripetendo due volte l’aggettivo (bello bello) o facendolo precedere dai prefissi arci-, super-, ultra-, stra- (arcinoto, superintelligente, ultrabianco, strafelice…), o ancora accompagnandolo con le parole molto, tanto, assai… (molto stanco, tanto caro, assai povero…). 1 Sottolinea gli aggettivi di grado comparativo e indica con una X se sono di maggioranza +, di minoranza − o di uguaglianza =. L’aria di campagna è più salubre di quella della città. + − = I suoi capelli sono più lunghi dei miei. + − = Nello sport Chiara è brava come Giulia. + − = Quello sport è meno divertente del calcio. + − = Le persone bugiarde sono meno affidabili di altre. + − = 2 Sottolinea nelle frasi gli aggettivi qualificativi di grado comparativo e scrivi a fianco se sono di maggioranza, di uguaglianza o di minoranza. L’ippopotamo è più grande del topo. La mano destra è grande tanto quanto la sinistra. La vacanza è più lunga del weekend. La casa è meno grande del palazzo. La torta è buona come la crostata. Il calcio è più appassionante della maratona. 3 Leggi le frasi e sottolinea con il blu gli aggettivi di grado superlativo relativo e con il rosa quelli di grado superlativo assoluto. Fra tutti i regali che ho ricevuto, questo è il più bello. Questo esercizio è facilissimo. Sono stato arcicontento di incontrarla. Ho letto un libro molto interessante. Chiara è la più piccola delle tre sorelle. A teatro abbiamo visto una commedia divertentissima. Il fiore più profumato del mio giardino è il giacinto. In estate le temperature sono altissime.
Morfologia   >  L'aggettivo qualificativo I gradi dell'aggettivo qualificativo Ricorda ! Come abbiamo visto, l’aggettivo qualificativo indica sempre una qualità o una caratteristica del nome a cui si riferisce. I diversi modi con cui l’aggettivo esprime questa qualità, si chiamano gradi dell’aggettivo qualificativo. I gradi dell’aggettivo qualificativo possono essere positivo, comparativo e superlativo. il grado positivo Il grado positivo esprime semplicemente la qualità del nome (alto), senza fare confronti. Il pioppo è alto. il grado comparativo Il grado comparativo esprime la qualità di un nome paragonandolo ad un altro nome; come puoi osservare sotto, esistono tre tipi di grado comparativo: di maggioranza (più alto), di minoranza (meno alto), di uguaglianza (alto come). Il cipresso è più alto del pioppo. Il noce è alto come il pioppo. Il melo è meno alto del pioppo. il grado superlativo Il grado superlativo esprime una qualità al massimo grado e può essere:  relativo, quando mette a confronto uno con tutti gli altri componenti di un gruppo (L'abete è il più alto tra gli alberi del parco);  assoluto, quando esalta al massimo il grado positivo (L'abete è altissimo). Attenzione ! Non confondere il superlativo relativo con il comparativo di maggioranza. Ricorda che il superlativo relativo richiede sempre l’articolo (per esempio: Diego è il giocatore più veloce della squadra). L'abete è il più alto tra gli alberi del parco. L'abete è altissimo. Ricorda ! Il superlativo assoluto di un aggettivo qualificativo si forma generalmente applicando al grado positivo il suffisso -issimo (altissimo, bellissimo, dolcissimo…), ma si può formare anche ripetendo due volte l’aggettivo (bello bello) o facendolo precedere dai prefissi arci-, super-, ultra-, stra- (arcinoto, superintelligente, ultrabianco, strafelice…), o ancora accompagnandolo con le parole molto, tanto, assai… (molto stanco, tanto caro, assai povero…). 1 Sottolinea gli aggettivi di grado comparativo e indica con una X se sono di maggioranza +, di minoranza − o di uguaglianza =.  L’aria di campagna è più salubre di quella della città. + − =  I suoi capelli sono più lunghi dei miei. + − =  Nello sport Chiara è brava come Giulia. + − =  Quello sport è meno divertente del calcio. + − =  Le persone bugiarde sono meno affidabili di altre. + − = 2 Sottolinea nelle frasi gli aggettivi qualificativi di grado comparativo e scrivi a fianco se sono di maggioranza, di uguaglianza o di minoranza.  L’ippopotamo è più grande del topo.    La mano destra è grande tanto quanto la sinistra.    La vacanza è più lunga del weekend.    La casa è meno grande del palazzo.    La torta è buona come la crostata.    Il calcio è più appassionante della maratona.   3 Leggi le frasi e sottolinea con il blu gli aggettivi di grado superlativo relativo e con il rosa quelli di grado superlativo assoluto.  Fra tutti i regali che ho ricevuto, questo è il più bello.  Questo esercizio è facilissimo.  Sono stato arcicontento di incontrarla.  Ho letto un libro molto interessante.  Chiara è la più piccola delle tre sorelle.  A teatro abbiamo visto una commedia divertentissima.  Il fiore più profumato del mio giardino è il giacinto.  In estate le temperature sono altissime.