Leggermente Plus - Lingua e linguaggi 4 Libro accessibile

Il testo narrativo Tempi e luoghi La fata del Pasig Una fiaba delle Filippine ci fa ricordare come è importante il rispetto della Natura perché da esso dipende il nostro futuro... C'erano una volta quattro ragazzi, Nida, Melanie, Pindong e Narding che giocavano sempre sulla riva dello sporco e puzzolente fiume Pasig. Un giorno decisero di costruire una barca e si avventurarono sulle acque del fiume. All'improvviso una tromba d'aria inghiottì la barca: - Aiuto! Aiuto! - gridarono i ragazzi prima di svenire per lo spavento. Al risveglio i quattro non credevano ai loro occhi: le rive del fiume erano ricche di alberi verdi e profumati, mai visti prima. - Ma che posto è questo? - chiese Melanie. - Siete sul fiume Pasig - rispose una voce misteriosa. I ragazzi si girarono impauriti e videro una bellissima signora dai capelli lunghi. - Chi sei? - chiese Nida. - Sono Madre Natura, la custode della foresta del Pasig. - La foresta del Pasig? - chiese Pindong sbalordito - Ma non c'è mai stata una foresta qui! - Certo! Venite a vedere - rispose la fata e li accompagnò a fare un giro. I ragazzi sgranarono gli occhi nel vedere l'acqua del Pasig limpida e cristallina e la riva del fiume coperta di alberi. - Ma dove sono le nostre case? - chiese Nida. - Le vostre case non ci sono ancora, perché in questo momento state vivendo nel passato - rispose la fata. - Ma come siamo arrivati qui? - chiese Narding. - Con la mia magia vi ho portati indietro nel tempo per farvi vedere com'erano questi luoghi prima che gli uomini cominciassero a distruggere la natura. - Che cosa vuoi da noi? - chiese Melanie, incuriosita. - Dovete dire a tutti di rispettare la bellezza della natura, di non tagliare gli alberi e di non avvelenare l'acqua. Vi regalo questa collana, simbolo della natura. Tenetela sempre con voi, per ricordare il mio messaggio. Subito dopo, la fata fece accomodare i ragazzi nella sua capanna e offrì loro cibo in abbondanza. Erano cibi squisiti, che i ragazzi mangiarono a sazietà, tanto che dopo si addormentarono. Quando si svegliarono, la fata era sparita e le case erano al loro posto... Era stato solo un sogno! Delusi, si incamminarono verso il villaggio, quando qualcosa cadde dalla tasca di Pindong... - Che cos'è questo? - esclamò il ragazzo, raccogliendo l'oggetto da terra. Era la collana della fata del Pasig! AA. VV., Asia. Le favole dal mondo, Città nuova Nel testo narrativo si usano gli indicatori di tempo e gli indicatori di luogo per poter comprendere meglio lo svolgimento dei fatti. Gli indicatori di tempo sono tutte le parole che spiegano QUANDO si svolgono i fatti narrati, la loro successione e la loro durata. Gli indicatori di luogo sono le parole che indicano DOVE avvengono i fatti narrati. Le case Esplora il testo Utilizza le informazioni esplicite ed implicite fornite dal testo. Il tempo Rileggi le parole in verde: sono gli indicatori di tempo. Poi, completa. I fatti avvengono in un tempo: definito. imprecisato. Nel sogno i bambini si ritrovano: nel passato. nel futuro. Alla fine del racconto i protagonisti ritornano: nel passato. nel presente. I luoghi Rileggi le parole in rosa: sono gli indicatori di luogo. Rispondi alle domande. Dove si trovano all'inizio i protagonisti? Dove si avventurano un giorno? Dove si trovano dopo la tromba d’aria? Dove li porta la fata? Verso dove si incamminano i protagonisti alla fine del racconto? I fatti Riordina i fatti principali della storia numerandoli da 1 a 6. I ragazzi si avventurano sul fiume Pasig con una barca. I ragazzi giocano sulla riva di un fiume sporco. La fata mostra ai ragazzi il fiume limpido e circondato dalla foresta. Pindong trova la collana della fata. La fata regala una collana e offre cibo ai ragazzi. I ragazzi si svegliano e si rendono conto che è stato un sogno.
Il testo narrativo Tempi e luoghi La fata del Pasig Una fiaba delle Filippine ci fa ricordare come è importante il rispetto della Natura perché da esso dipende il nostro futuro... C'erano una volta quattro ragazzi, Nida, Melanie, Pindong e Narding che giocavano sempre sulla riva dello sporco e puzzolente fiume Pasig. Un giorno decisero di costruire una barca e si avventurarono sulle acque del fiume. All'improvviso una tromba d'aria inghiottì la barca: - Aiuto! Aiuto! - gridarono i ragazzi prima di svenire per lo spavento. Al risveglio i quattro non credevano ai loro occhi: le rive del fiume erano ricche di alberi verdi e profumati, mai visti prima. - Ma che posto è questo? - chiese Melanie. - Siete sul fiume Pasig - rispose una voce misteriosa. I ragazzi si girarono impauriti e videro una bellissima signora dai capelli lunghi. - Chi sei? - chiese Nida. - Sono Madre Natura, la custode della foresta del Pasig. - La foresta del Pasig? - chiese Pindong sbalordito - Ma non c'è mai stata una foresta qui! - Certo! Venite a vedere - rispose la fata e li accompagnò a fare un giro. I ragazzi sgranarono gli occhi nel vedere l'acqua del Pasig limpida e cristallina e la riva del fiume coperta di alberi. - Ma dove sono le nostre case? - chiese Nida. - Le vostre case non ci sono ancora, perché in questo momento state vivendo nel passato - rispose la fata. - Ma come siamo arrivati qui? - chiese Narding. - Con la mia magia vi ho portati indietro nel tempo per farvi vedere com'erano questi luoghi prima che gli uomini cominciassero a distruggere la natura. - Che cosa vuoi da noi? - chiese Melanie, incuriosita. - Dovete dire a tutti di rispettare la bellezza della natura, di non tagliare gli alberi e di non avvelenare l'acqua. Vi regalo questa collana, simbolo della natura. Tenetela sempre con voi, per ricordare il mio messaggio. Subito dopo, la fata fece accomodare i ragazzi nella sua capanna e offrì loro cibo in abbondanza. Erano cibi squisiti, che i ragazzi mangiarono a sazietà, tanto che dopo si addormentarono. Quando si svegliarono, la fata era sparita e le case erano al loro posto... Era stato solo un sogno! Delusi, si incamminarono verso il villaggio, quando qualcosa cadde dalla tasca di Pindong... - Che cos'è questo? - esclamò il ragazzo, raccogliendo l'oggetto da terra. Era la collana della fata del Pasig! AA. VV., Asia. Le favole dal mondo, Città nuova Nel testo narrativo si usano gli indicatori di tempo e gli indicatori di luogo per poter comprendere meglio lo svolgimento dei fatti.  Gli indicatori di tempo sono tutte le parole che spiegano QUANDO si svolgono i fatti narrati, la loro successione e la loro durata.  Gli indicatori di luogo sono le parole che indicano DOVE avvengono i fatti narrati.    Le case Esplora il testo Utilizza le informazioni esplicite ed implicite fornite dal testo. Il tempo  Rileggi le parole in verde: sono gli indicatori di tempo. Poi, completa.  I fatti avvengono in un tempo:   definito.   imprecisato.  Nel sogno i bambini si ritrovano:   nel passato.   nel futuro.  Alla fine del racconto i protagonisti ritornano:   nel passato.   nel presente. I luoghi  Rileggi le parole in rosa: sono gli indicatori di luogo. Rispondi alle domande.  Dove si trovano all'inizio i protagonisti?    Dove si avventurano un giorno?    Dove si trovano dopo la tromba d’aria?      Dove li porta la fata?    Verso dove si incamminano i protagonisti alla fine del racconto?     I fatti  Riordina i fatti principali della storia numerandoli da 1 a 6.   I ragazzi si avventurano sul fiume Pasig con una barca.   I ragazzi giocano sulla riva di un fiume sporco.   La fata mostra ai ragazzi il fiume limpido e circondato dalla foresta.   Pindong trova la collana della fata.   La fata regala una collana e offre cibo ai ragazzi.   I ragazzi si svegliano e si rendono conto che è stato un sogno.