Leggermente Plus - Lingua e linguaggi 4 Libro accessibile

Il testo narrativo Il racconto d'avventura Gli ostacoli e gli imprevisti Tra fuoco e caimani Lord Glenarvan e i suoi amici viaggiano in terre lontane alla ricerca del capitano Grant, naufragato con la sua nave, ma gli ostacoli e gli imprevisti si susseguono ogni giorno… Per sfuggire alla piena che li aveva sorpresi, Lord Glenarvan e i suoi amici si rifugiarono tra i rami di un grosso albero simile a un noce. Passarono alcune ore in quella scomoda situazione, scrutando con preoccupazione il cielo che prometteva un nuovo temporale. I primi lontani brontolii del tuono si sentirono verso le undici. Sporgendo il capo fuori del folto dei rami, si poteva scorgere il cielo solcato da scariche elettriche. Ben presto il rombo del tuono aumentò di intensità e di violenza, i lampi e i fulmini diventarono così fitti che l'erba ne appariva tutta incendiata. La pioggia non tardò molto a scrosciare. A un tratto all’estremità di un ramo del noce si vide un globo di fiamma dentro un fumo nero. Il globo rotolò su se stesso, scoppiò come una bomba e un acre odore di zolfo si sparse nell’aria. - L’albero brucia! - esclamò Tom Austin. In pochi attimi infatti, le fiamme, alimentate dal vento si propagarono fra i rami dell'albero con furia divoratrice. Lord Glenarvan con i suoi compagni si rifugiarono nella parte dell’albero che era più lontana dal fuoco e assistettero con terrore a quella visione paurosa. I rami incandescenti si distaccavano, torcendosi nell'aria buia come serpenti bruciati vivi, e cadevano poi a pezzi, sibilando, nelle minacciose acque sottostanti. Il fumo aveva reso l’aria irrespirabile e gli uomini sull’albero si sentivano soffocare: ormai non potevano più restare lassù: - In acqua, in acqua! - gridò Glenarvan. Wilson si gettò a capofitto nelle onde, ma subito dopo si udì la sua voce gridare con terrore folle: - Aiuto! Aiuto! Austin fu pronto ad accorrere e lo afferrò, domandandogli con angoscia: - Che c'è? - I caimani! I caimani! Infatti gli orribili animali stavano accerchiando il tronco del noce e nei bagliori dell'incendio si scorgevano le loro scaglie lucenti, i loro occhi sporgenti, le loro fauci munite di denti formidabili, le loro code piatte, che battevano l'acqua con violenza. Nel medesimo istante un'immensa tromba d'aria si lanciò sul noce, scuotendolo con inaudita violenza. L'albero si abbatté nell'acqua tempestosa e i suoi rami in fiamme sibilarono paurosamente: esso prese ad andare alla deriva, travolto dal vento furibondo e dalla corrente impetuosa, mentre i caimani si davano alla fuga. Lord Glenarvan e i suoi erano rannicchiati tra i rami ancora lontani dal fuoco e per un paio d'ore andarono così alla deriva. Fortunatamente l'incendio a poco a poco, sotto la pioggia scrosciante, andava spegnendosi e così il pericolo più grave era eliminato. - Eh, può darsi che ci salviamo - disse con la solita calma Mac Nabbs, e fece osservare agli amici che ogni tanto le radici dell'albero strisciavano al suolo. Tom Austin allora sondò il terreno con un ramo e disse con gioia: - Il terreno è in salita! Venti minuti dopo, infatti, il gigantesco noce si fermò con un urto e poterono scendere a terra. J. Verne, I figli del capitano Grant, Piccoli Per saperne di più Jules Verne (1828-1905) è stato uno scrittore francese tra i più celebri autori di storie per ragazzi. I suoi romanzi d'avventura sono conosciuti in tutto il mondo e da essi sono stati tratti numerosi film per il cinema e la televisione. Esplora il testo Nei racconti d’avventura si possono trovare ostacoli e imprevisti che si susseguono rapidamente. In questo racconto ne puoi trovare 5. Riconoscili tra quelli elencati sotto, cerchiali e riscrivili nell’ordine in cui compaiono nel testo. Una bomba La piena La pioggia Le onde Il fuoco I serpenti Il fumo I caimani I pescecani La corrente 1) 2) 3) 4) 5) Nei racconti d’avventura si utilizzano spesso aggettivi qualificativi e verbi di movimento per rendere la narrazione più avvincente. Verifica se anche in questo testo è stato adottato questo linguaggio: sottolinea gli aggettivi qualificativi di rosso e i verbi di movimento di blu. Per comprendere Quale fatto mette in fuga i caimani? Che cosa spegne l’albero in fiamme? Quando i protagonisti si accorgono di essere salvi? Il narratore è: interno. esterno.
Il testo narrativo   Il racconto d'avventura Gli ostacoli e gli imprevisti Tra fuoco e caimani Lord Glenarvan e i suoi amici viaggiano in terre lontane alla ricerca del capitano Grant, naufragato con la sua nave, ma gli ostacoli e gli imprevisti si susseguono ogni giorno… Per sfuggire alla piena che li aveva sorpresi, Lord Glenarvan e i suoi amici si rifugiarono tra i rami di un grosso albero simile a un noce. Passarono alcune ore in quella scomoda situazione, scrutando con preoccupazione il cielo che prometteva un nuovo temporale. I primi lontani brontolii del tuono si sentirono verso le undici. Sporgendo il capo fuori del folto dei rami, si poteva scorgere il cielo solcato da scariche elettriche. Ben presto il rombo del tuono aumentò di intensità e di violenza, i lampi e i fulmini diventarono così fitti che l'erba ne appariva tutta incendiata. La pioggia non tardò molto a scrosciare. A un tratto all’estremità di un ramo del noce si vide un globo di fiamma dentro un fumo nero. Il globo rotolò su se stesso, scoppiò come una bomba e un acre odore di zolfo si sparse nell’aria. - L’albero brucia! - esclamò Tom Austin. In pochi attimi infatti, le fiamme, alimentate dal vento si propagarono fra i rami dell'albero con furia divoratrice. Lord Glenarvan con i suoi compagni si rifugiarono nella parte dell’albero che era più lontana dal fuoco e assistettero con terrore a quella visione paurosa. I rami incandescenti si distaccavano, torcendosi nell'aria buia come serpenti bruciati vivi, e cadevano poi a pezzi, sibilando, nelle minacciose acque sottostanti. Il fumo aveva reso l’aria irrespirabile e gli uomini sull’albero si sentivano soffocare: ormai non potevano più restare lassù: - In acqua, in acqua! - gridò Glenarvan. Wilson si gettò a capofitto nelle onde, ma subito dopo si udì la sua voce gridare con terrore folle: - Aiuto! Aiuto! Austin fu pronto ad accorrere e lo afferrò, domandandogli con angoscia: - Che c'è? - I caimani! I caimani! Infatti gli orribili animali stavano accerchiando il tronco del noce e nei bagliori dell'incendio si scorgevano le loro scaglie lucenti, i loro occhi sporgenti, le loro fauci munite di denti formidabili, le loro code piatte, che battevano l'acqua con violenza. Nel medesimo istante un'immensa tromba d'aria si lanciò sul noce, scuotendolo con inaudita violenza. L'albero si abbatté nell'acqua tempestosa e i suoi rami in fiamme sibilarono paurosamente: esso prese ad andare alla deriva, travolto dal vento furibondo e dalla corrente impetuosa, mentre i caimani si davano alla fuga. Lord Glenarvan e i suoi erano rannicchiati tra i rami ancora lontani dal fuoco e per un paio d'ore andarono così alla deriva. Fortunatamente l'incendio a poco a poco, sotto la pioggia scrosciante, andava spegnendosi e così il pericolo più grave era eliminato. - Eh, può darsi che ci salviamo - disse con la solita calma Mac Nabbs, e fece osservare agli amici che ogni tanto le radici dell'albero strisciavano al suolo. Tom Austin allora sondò il terreno con un ramo e disse con gioia: - Il terreno è in salita! Venti minuti dopo, infatti, il gigantesco noce si fermò con un urto e poterono scendere a terra. J. Verne, I figli del capitano Grant, Piccoli Per saperne di più Jules Verne (1828-1905) è stato uno scrittore francese tra i più celebri autori di storie per ragazzi. I suoi romanzi d'avventura sono conosciuti in tutto il mondo e da essi sono stati tratti numerosi film per il cinema e la televisione. Esplora il testo  Nei racconti d’avventura si possono trovare ostacoli e imprevisti che si susseguono rapidamente. In questo racconto ne puoi trovare 5. Riconoscili tra quelli elencati sotto, cerchiali e riscrivili nell’ordine in cui compaiono nel testo. Una bomba   La piena   La pioggia   Le onde   Il fuoco   I serpenti  Il fumo   I caimani   I pescecani   La corrente 1)   2)   3)   4)   5)    Nei racconti d’avventura si utilizzano spesso aggettivi qualificativi e verbi di movimento per rendere la narrazione più avvincente. Verifica se anche in questo testo è stato adottato questo linguaggio: sottolinea gli aggettivi qualificativi di rosso e i verbi di movimento di blu. Per comprendere  Quale fatto mette in fuga i caimani?    Che cosa spegne l’albero in fiamme?    Quando i protagonisti si accorgono di essere salvi?    Il narratore è:   interno.   esterno.