Il giardino, Rachel van Kooij

il testo descrittivo Il giardino Rachel van Kooij, La strega del giardino, Piemme Tobias è stufo del piccolo campo giochi del condominio in cui abita. Insieme alla sua amica Stefanie, va in cerca di uno spazio più grande in cui giocare. Lo intravedono al di là di un alto recinto, che cercano di superare aiutandosi con una corda. Tobias si stirò e afferrò la corda con entrambe le mani. Fece un salto. I suoi piedi atterrarono sul secondo nodo. La corda oscillava qua e là. Ancora cinque nodi, pensò Tobias disperato. Come avrebbe potuto farcela? All improvviso la corda si tese. Tobias guardò giù. Stefanie teneva in mano l estremità della corda. Così è molto più facile disse con calma. Ed era vero. Con stupore Tobias riuscì ad arrampicarsi, un nodo dopo l altro. Con le ultime forze appoggiò sul ramo grosso prima un braccio, poi una gamba. La corteccia ruvida gli spinse la T-shirt di lato e gli graffiò la pelle. Faceva male. Si sedette ansimando sul ramo e guardò oltre la staccionata. Non dirmi che cosa vedi! gridò Stefanie da sotto. Voglio scoprirlo da me. Si sollevò e lo raggiunse con l agilità di una scimmietta. Subito dietro la staccionata cresceva una fitta siepe. Al di là dei cespugli c era una distesa selvaggia di arbusti e di alberi. Un bosco, un vero bosco sussurrò Stefanie. Tobias scosse il capo. Non è un bosco, ma un giardino la corresse. Come lo sai? chiese Stefanie. Vedi quegli alberi nodosi? Tobias indicò un gruppo di alberi. Sono meli. E laggiù c è un ciliegio. Se guardi bene riesci a vedere le ciliegie mature. I DATI SENSORIALI Nel racconto è inserita un ampia descrizione del giardino. Indicala con una barra rossa a lato del testo. Nella descrizione del giardino l autrice utilizza, oltre alla vista, anche il tatto, l olfatto e l udito. Individua nel testo i dati che riguardano i sensi e scrivili sul quaderno in una tabella come quella a lato. 64 Vista Tatto Udito Olfatto

Il giardino, Rachel van Kooij