Filo e la neve, Barbara Pumhösel

IL RACCONTO realistico Filo e la neve Barbara Pumh sel, La voce della neve, Rizzoli Molti bambini collezionano bambole, macchinine, minerali. Filo colleziona... pupazzi di neve! Tutte le bambine e tutti i bambini (o quasi tutti) e anche molti adulti collezionano qualcosa. Filo collezionava pupazzi di neve. Sua madre diceva che la parola pupazzo non era per forza quella giusta e soprattutto non era del tutto precisa, perché Filo non faceva soltanto pupazzi di neve maschi, faceva anche pupazze femmine e pupazzini, piccoli pupazzi di neve bambini. E poi faceva animali di neve. Perciò Filo aveva cominciato a chiamarle sculture o figure di neve. Gliel aveva consigliato il nonno. All inizio aveva detto statue di neve, ma secondo Filo sculture e figure suonavano più artistiche e più vive. Statua era una parola troppo ferma. Quando una figura era pronta, Filo si immaginava una vita per lei e le dava un nome. Filo aveva cominciato a costruire pupazzi di neve quando era molto piccola; il primo lo aveva costruito a tre anni e mezzo. Suo padre allora lavorava molto e non poteva mai andare al parco con lei. Perciò quelle poche volte che ci riuscivano, la mamma diceva sempre: Georg, prendi la macchina fotografica. Per catturare quei rari momenti e non dimenticarli più. Quella volta, aveva appena nevicato. E Filo voleva fare il suo primo pupazzo di neve. E il papà voleva fare tante foto di Filo perché lo aveva promesso alla mamma. Filo invece voleva tante foto del suo pupazzo di neve. Che, per dire la verità, a metà era anche di suo padre perché lui l aveva aiutata molto a costruirlo. Così il papà continuò a fare foto fino a che la batteria della macchina non si scaricò. Immortalò il pupazzo di neve da davanti e da dietro, di profilo e a figura intera. Saliva sulla panchina e lo fotografava dall alto, si sdraiava nella neve e lo fotografava dal basso, e scattò anche foto di Filo abbracciata al pupazzo. A quella primissima scultura di neve Filo aveva dato il nome di Papà. Con lei iniziò la sua collezione. I PERSONAGGI E I FATTI Nel racconto la protagonista, cioè il personaggio principale, è: ................................... Della protagonista viene presentato: l aspetto fisico. il comportamento e gli interessi. Scegli uno o più aggettivi adatti a Filo: fantasiosa. simpatica. elegante. capricciosa. decisa. antipatica. I personaggi e i fatti di questo racconto: sono fantastici. potrebbero esistere nella realtà. In un racconto realistico i personaggi e i fatti sono reali oppure verosimili, cioè si possono trovare nella realtà. 15
Filo e la neve, Barbara Pumhösel