Il Sistema solare, Dominic Walliman e Ben Newman

IL TESTO INFORMATIVO Il Sistema solare Dominic Walliman, Ben Newman, Professor Astro Gatto e le frontiere dello spazio, Bao Publishing Quanti sono i pianeti che, come la Terra, ruotano intorno al Sole? Sono uguali tra loro? Il Sistema solare contiene otto pianeti che orbitano attorno al Sole nella stessa direzione. Il Sole è il centro del Sistema solare e, viste le sue gigantesche dimensioni, presenta una forza di gravità tale da mantenere tutti i pianeti insieme facendoli muovere attorno al Sole in giganteschi cerchi definiti orbite. La gravità è una forza che si comporta come un’invisibile corda tra il Sole e gli altri pianeti, e impedisce loro di volare via nello spazio. I primi quattro pianeti dal Sole sono fatti di roccia, e sono chiamati pianeti terrestri. Hanno una superficie solida su cui si potrebbe camminare e sono tutti vicini al Sole. Gli ultimi quattro pianeti sono tutti composti da gas, il che vuol dire che se provaste ad atterrarci, sprofondereste da parte a parte. Questi quattro “giganti gassosi” sono molto, molto più grandi dei pianeti terrestri e sono molto distanti tra loro. Per molto tempo, si è pensato che il pianeta più lontano del nostro Sistema solare fosse Plutone, che è un pianeta nano che si trova oltre Nettuno in un’area chiamata fascia di Kuiper. Recentemente, gli scienziati hanno deciso che non è più un pianeta, perché ci sono altri oggetti nella fascia di Kuiper che sono uguali o più grandi di Plutone, come Eris, un pianeta nano scoperto nel 2005. Ci sono migliaia di altri oggetti nella fascia di Kuiper, tutti composti da roccia e ghiaccio. Se la Terra fosse un pomodoro ciliegino, quali dimensioni avrebbero gli altri pianeti? Di certo non sarebbero così vicini tra loro. Ma se la Terra fosse un pomodoro ciliegino nelle vostre mani, il Sole sarebbe distante 500 metri e largo 4 metri. IL TESTO MISTO ● Lo scopo del testo è: dare informazioni sul Sistema solare. spiegare che cos’è un pianeta. dare consigli per viaggi spaziali. ● Sottolinea nel testo: • di rosso la parte che spiega che cos’è la forza di gravità; • di blu la parte che spiega di che cosa sono fatti i pianeti. ● Quello che hai letto è un testo misto: è accompagnato da un box che usa immagini di frutta e vegetali al posto dei pianeti. Qual è lo scopo di queste immagini? Far capire i diversi tipi di materia di cui sono fatti i pianeti. Far capire le diverse dimensioni dei pianeti e metterle a confronto. ● Perché, secondo te, sono state usate delle immagini per trasmettere questa informazione? Perché le immagini sono belle. Perché danno subito un’idea e ci aiutano a capire. ● Scrivi i pianeti del Sistema solare dal più grande al più piccolo. 1 ..................... 5 ..................... 2 ..................... 6 ..................... 3 ..................... 7 ..................... 4 ..................... 8 ..................... I testi informativi, per comunicare in modo più chiaro e immediato i loro contenuti, utilizzano molto spesso altri linguaggi oltre a quello verbale: le parole sono infatti accompagnate da fotografie, grafici, tabelle, disegni e dati. In questi casi sono testi misti. Quando si legge un testo misto, è importante fare attenzione alle informazioni date attraverso i linguaggi non verbali.
IL TESTO INFORMATIVO     Il Sistema solare Dominic Walliman, Ben Newman, Professor Astro Gatto e le frontiere dello spazio, Bao Publishing Quanti sono i pianeti che, come la Terra, ruotano intorno al Sole? Sono uguali tra loro? Il Sistema solare contiene otto pianeti che orbitano attorno al Sole nella stessa direzione. Il Sole è il centro del Sistema solare e, viste le sue gigantesche dimensioni, presenta una forza di gravità tale da mantenere tutti i pianeti insieme facendoli muovere attorno al Sole in giganteschi cerchi definiti orbite. La gravità è una forza che si comporta come un’invisibile corda tra il Sole e gli altri pianeti, e impedisce loro di volare via nello spazio. I primi quattro pianeti dal Sole sono fatti di roccia, e sono chiamati pianeti terrestri. Hanno una superficie solida su cui si potrebbe camminare e sono tutti vicini al Sole. Gli ultimi quattro pianeti sono tutti composti da gas, il che vuol dire che se provaste ad atterrarci, sprofondereste da parte a parte. Questi quattro “giganti gassosi” sono molto, molto più grandi dei pianeti terrestri e sono molto distanti tra loro. Per molto tempo, si è pensato che il pianeta più lontano del nostro Sistema solare fosse Plutone, che è un pianeta nano che si trova oltre Nettuno in un’area chiamata fascia di Kuiper. Recentemente, gli scienziati hanno deciso che non è più un pianeta, perché ci sono altri oggetti nella fascia di Kuiper che sono uguali o più grandi di Plutone, come Eris, un pianeta nano scoperto nel 2005. Ci sono migliaia di altri oggetti nella fascia di Kuiper, tutti composti da roccia e ghiaccio. Se la Terra fosse un pomodoro ciliegino, quali dimensioni avrebbero gli altri pianeti? Di certo non sarebbero così vicini tra loro. Ma se la Terra fosse un pomodoro ciliegino nelle vostre mani, il Sole sarebbe distante 500 metri e largo 4 metri. IL TESTO MISTO ● Lo scopo del testo è:   dare informazioni sul Sistema solare.   spiegare che cos’è un pianeta.   dare consigli per viaggi spaziali. ● Sottolinea nel testo: • di rosso la parte che spiega che cos’è la forza di gravità; • di blu la parte che spiega di che cosa sono fatti i pianeti. ● Quello che hai letto è un testo misto: è accompagnato da un box che usa immagini di frutta e vegetali al posto dei pianeti. Qual è lo scopo di queste immagini?   Far capire i diversi tipi di materia di cui sono fatti i pianeti.   Far capire le diverse dimensioni dei pianeti e metterle a confronto. ● Perché, secondo te, sono state usate delle immagini per trasmettere questa informazione?   Perché le immagini sono belle.   Perché danno subito un’idea e ci aiutano a capire. ● Scrivi i pianeti del Sistema solare dal più grande al più piccolo. 1 ..................... 5 ..................... 2 ..................... 6 ..................... 3 ..................... 7 ..................... 4 ..................... 8 .....................  I testi informativi, per comunicare in modo più chiaro e immediato i loro contenuti, utilizzano molto spesso altri linguaggi oltre a quello verbale: le parole sono infatti accompagnate da fotografie, grafici, tabelle, disegni e dati. In questi casi sono testi misti. Quando si legge un testo misto, è importante fare attenzione alle informazioni date attraverso i linguaggi non verbali.