Mostri scolastici, Stefano Bordiglioni

A scuola insieme! Mostri scolastici Stefano Bordiglioni, Storie sotto il letto, per dormire quasi tranquilli, Einaudi Ragazzi ............................................................... ............................................................... C è una scuola, la più strana del mondo, dove si possono trovare mostri piuttosto curiosi. Non sono pericolosi, anzi, sono molto utili. Uno dei più utili è il lavagnante, uno strano elefante che ha il corpo a forma di lavagna: con la proboscide scrive sulla sua pancia-lavagna e con le orecchie cancella. un patito della matematica e gli piace tantissimo risolvere le quattro operazioni. però un po debole nelle addizioni e spesso scrive che tre più due è uguale a sei. Ha comunque una bella calligrafia ed è un tipo simpatico. C è poi lo zainguro, un canguro che ha uno zaino al posto del marsupio e la mattina aiuta i bambini a portare libri e quaderni a scuola. Di solito lo zainguro è allegro e ride volentieri; il giovedì e il lunedì però ha l aria triste e non ride affatto. Questo perché in quei giorni a scuola si sta anche il pomeriggio e ci sono molti quaderni in più da portare: il suo marsupio-zaino, il lunedì e il giovedì, è davvero pesante! Più leggera dello zainguro, ma altrettanto utile, è l astuccialla, una farfalla con le ali a forma di astuccio. capace di contenere dodici pennarelli, due penne, una matita, una gomma, un temperino e un paio di forbici. Non si possono però mettere dentro un astuccialla cose troppo pesanti, perché altrimenti poi non riesce più a volare. Il gommerlo invece zampetta sui banchi dei bambini libe- ............................................................... TESTI per CAPIRE Trova e sottolinea i nomi dei mostri scolastici descritti nel testo. Le immagini in queste pagine rappresentano alcuni di essi. Leggi attentamente la loro descrizione e scrivi il nome di ciascuno sotto la sua immagine. 20 Diligente vuol dire: che sarà promosso. che si impegna nello studio. che è molto noioso.

Mostri scolastici, Stefano Bordiglioni