IMPARARE A PENSARE Cesare Cornoldi

imparaRE a Attenzione e distrazione pensare Lo spettacolo di Natale Roberto è un simpatico ragazzino di quarta elementare, abita in un grazioso paese di collina e ha tanti amici. Roberto ha però un abitudine che a volte gli crea qualche problema: se si mette a fantasticare è come se viaggiasse in un mondo tutto suo e non sta attento a quello che dice la maestra. Poco prima di Natale c era una grande agitazione in classe per la preparazione di uno spettacolo natalizio. Anche Roberto aveva una parte importante: doveva interpretare San Giuseppe, e così si era dato da fare e si era fatto cucire dalla mamma un bel mantello. La maestra aveva fatto scrivere sul diario dei bambini: Si ricorda che lo spettacolo di sabato avrà luogo nel teatro del capoluogo. Tutti i bambini devono arrivare a scuola un quarto d ora prima, per prendere la corriera per il teatro . Ma cosa faceva Roberto mentre la maestra dettava? Si era messo a guardare fuori dalla finestra pensando a come sarebbe stato bello se si fosse messo a nevicare, a una corsa in slitta, ai giochi che avrebbe potuto fare sulla neve con un cagnolino bianco e nero che aveva chiesto in regalo a Babbo Natale Luca, il suo compagno di banco, gli ha detto: Guarda che è importante, devi scrivere , ma Roberto ha risposto: Lo so già che lo spettacolo è sabato! e non ha scritto niente. Così Roberto quella mattina è arrivato a scuola tutto trafelato, all ultimo momento, con il mantello di San Giuseppe nello zaino Ma la corriera era già partita! Roberto è rimasto a scuola tutta la mattina, solo con la bidella, insistendo che lui voleva fare lo stesso San Giuseppe e che allora la bidella doveva fare la Madonna. ? Che cosa pensi di questa storia? Ti capita qualche volta di essere distratto come Roberto o di farti prendere dai tuoi pensieri? 180

IMPARARE A PENSARE Cesare Cornoldi