I rituali della regalità, Giovanni Caselli

Lontano nel tempo LABORATORIO DI LETTURA TROVARE LA SEQUENZA NEL TESTO In un testo che fornisce molte informazioni, a volte è utile riconoscere la sequenza ordinata dei fatti. Ricerchiamola nel brano che segue. I rituali della regalità Giovanni Caselli (a cura di), Le grandi civiltà del mondo antico, Giunti Regime teocratico: il sovrano esercita il suo potere nel nome di un dio, è considerato l incarnazione della divinità. 116 In un regime teocratico come quello egiziano, il re-dio doveva ricevere ufficialmente il potere divino ereditato dal predecessore, continuando una catena ininterrotta di successioni che discendeva dal re-dio Osiri e dal suo erede Horo. Il momento in cui saliva al trono un nuovo faraone era occasione di cerimonie sacre piene di simboli magici e riti antichissimi. A queste investiture politiche e religiose partecipavano, oltre al nuovo faraone, principi reali, sacerdoti, funzionari e persino artigiani. I re e i principi venivano trasportati, insieme alle corone e agli scettri, da barche da cerimonia preparate per l occasione. Il faraone riceveva l offerta di una scelta dei prodotti del paese e con questi era preparato un pranzo rituale. Quindi, alla presenza dei Grandi dell Alto e del Basso Egitto, seguiva la cerimonia dell incoronazione e della proclamazione dei cinque nomi del faraone. Come primo atto di governo, il nuovo sovrano offriva ai Grandi un pane, quale simbolo di abbondanza e generosità. La cerimonia terminava con la celebrazione del predecessore defunto, innalzato al ruolo divino.
I rituali della regalità, Giovanni Caselli