Prometeo, Roberto Piumini

Lontano nel tempo Prometeo Roberto Piumini, Il circo di Zeus, Edizioni EL Olimpo: montagna dove vivevano gli dei greci. Forgiare significa: intagliare il legno. modellare il metallo fuso. scolpire la pietra. Giunco: canna, bambù. Grezza: non rifinita. 100 Nei miti dell antica Grecia si narra che Prometeo, un eroe forte e sapiente, ebbe compassione degli uomini che erano nudi e selvaggi. Per aiutarli cominciò ad insegnar loro la caccia e la pesca, la costruzione dei vasi e la tessitura. In un inverno molto freddo volle regalare agli uomini il fuoco, anche se Zeus, re degli dei, non voleva Venne però un inverno molto freddo. Gli uomini sapevano coprirsi di pelli di animali o ripararsi in una grotta: ma non conoscevano il fuoco e rischiavano di morire. Non era tempo di prudenza: Prometeo salì fino all Olimpo e chiese a Zeus di poter portare il fuoco agli uomini. Il fuoco? Ma con il fuoco si scotteranno! tuonò Zeus e rideva terribilmente. Invano Prometeo tentò di convincere Zeus. Prima di tornare fra gli uomini bussò al portone della grande fucina di Efesto, il fabbro dell Olimpo. Qui bruciava un fuoco eterno, con il quale il Dio fondeva i metalli per le sue opere stupende. Vengo a farti una domanda, Efesto disse Prometeo. Falla, figlio di Climene, disse il Dio, che stava forgiando una spada per Achille. Dimmi, Efesto: è possibile trasportare il fuoco? difficile, rispose il Dio. E tu sai che nessuno, per volere di Zeus, lo può trasportare. Ma se si potesse, lo si trasporterebbe in pesanti vasi di bronzo? chiese Prometeo tranquillamente. Non sarebbe necessario, disse sorridendo Efesto. Cresce sulle pendici dell Olimpo, giù verso il mare, un giunco che ha una polpa particolare: se si fa seccare e si accende, essa brucia per lunghissimo tempo. A Prometeo bastò: scese dall Olimpo e raccolse uno di quei giunchi; poi lo dipinse di nero perché sembrasse un bastone da viaggio, e tornò da Efesto. Hai finito la spada di Achille, possente Dio? gli chiese. Sono tornato per ammirarla, perché quando venni, qualche giorno fa, l impugnatura era ancora grezza.

Prometeo, Roberto Piumini