Pensieri sull’acqua, The Earth Works Group

PIANETA VERDE Pensieri sull’acqua The Earth Works Group, 50 cose da fare per aiutare la Terra, Salani Apri il rubinetto e l’acqua esce… un gesto che fai tante volte al giorno e che ti sembra normale. Ma non è così per tutti! Ogni anno la popolazione della Terra aumenta, eppure la quantità di acqua che possiamo usare rimane uguale. Quando apriamo il rubinetto l’acqua arriva dalle stesse riserve nel terreno, dagli stessi fiumi e torrenti. Immaginate di rimanere senz’acqua per un giorno e vi renderete conto di quanto sia importante. Non bisogna sprecarla! Pensate a tutti i modi in cui gli uomini sfruttano gli oceani e le altre fonti d’acqua: li usano come riserva di cibo, via di trasporto, deposito di rifiuti, fonte di energia elettrica e divertimento. Molti pensano che gli oceani siano una scorta d’acqua infinita. Purtroppo non è così e dobbiamo cambiare il modo di pensare e di agire. Tutti possiamo dare una mano a proteggere i laghi, i torrenti, i fiumi e gli oceani. Potete cambiare la situazione diventando investigatori di perdite, risparmiatori d’acqua e amici delle spiagge. TESTI per CAPIRE ● In questo testo ci sono delle affermazioni sottintese; prova a scoprirle riflettendo su alcune espressioni e completale con esempi trovati da te. Gli uomini usano gli oceani e le altre fonti d’acqua: • come riserva di cibo: significa che ……………………….......………….... • come via di trasporto: significa che ………...............…….……...………. • come deposito di rifiuti: significa che ………………………...........…… • come fonte di energia: significa che ………...............…….…………...... • come fonte di divertimento: significa che ………...............…….…..... PAROLE per PENSARE star bene a scuola INVESTIGATORE DI PERDITE ● Con l’aiuto di un adulto puoi provare a realizzare l’attività di… “investigatore di perdite”!Individua dove è collocato il contatore dell’acqua in casa tua e rileggi con attenzione come procedere. Porta a scuola i dati della tua rilevazione e discutine con i compagni. Ecco come diventare investigatori di perdite d’acqua... Se un rubinetto che perde riempie una tazzina in 10 minuti, quanta acqua verrà sprecata in un anno? Tanta da riempire: A. 1 bottiglia B. 1 vasca da bagno C. 52 vasche da bagno Se non sapete la risposta, leggetela capovolgendo il libro, poi mettetevi alla ricerca di perdite d’acqua nascoste in casa vostra. Possono trovarsi dietro i muri, nei rubinetti, nei gabinetti o anche in giardino, nella pompa per innaffiare. La vostra missione come investigatori di perdite è quella di scovare fughe nascoste e di bloccarle. Che cosa si può fare: 1. Imparate a leggere il contatore dell’acqua che si trova di solito in un angolo della cantina o sul muro esterno di casa (nei condomini si trova in un locale apposito in cantina). La prima volta fatevi aiutare da un adulto. 2. Scegliete un momento in cui tutta la famiglia sarà fuori casa e nessuno userà l’acqua, ad esempio quando andate tutti al cinema o a fare la spesa. 3. Prima di uscire annotate su un foglio il numero esatto riportato sul contatore. 4. Tornati a casa, fate una seconda lettura del contatore. Se il numero è diverso avete individuato la presenza di una perdita! CHI TANTO e CHI POCO L’ACQUA POTABILE, CIOÈ BUONA DA BERE, È SCARSA SU TUTTO IL PIANETA, PERÒ LA MANCANZA D’ACQUA NON COLPISCE TUTTI ALLO STESSO MODO. UN PO’ DI NUMERI: • L’11 per cento della popolazione della Terra consuma l’89 per cento dell’acqua disponibile e un quarto dell’umanità soffre la sete. • 2 litri al giorno è la quantità minima di acqua per tenerci in vita, 50 litri almeno per vivere decentemente, lavarci, cucinare e abitare in una casa pulita. • Un africano benestante ha a disposizione circa 20 litri di acqua al giorno (metà di quella che noi usiamo per una doccia), ma nelle zone più povere si scende anche a 5 litri. • In Egitto la disponibilità d’acqua è di 56 metri cubi per abitante, in Islanda è di 600 mila metri cubi! Francesca Capelli, Otto Gabos, Amo l’acqua, Giunti Progetti Educativi
PIANETA VERDE     Pensieri sull’acqua The Earth Works Group, 50 cose da fare per aiutare la Terra, Salani Apri il rubinetto e l’acqua esce… un gesto che fai tante volte al giorno e che ti sembra normale. Ma non è così per tutti! Ogni anno la popolazione della Terra aumenta, eppure la quantità di acqua che possiamo usare rimane uguale. Quando apriamo il rubinetto l’acqua arriva dalle stesse riserve nel terreno, dagli stessi fiumi e torrenti. Immaginate di rimanere senz’acqua per un giorno e vi renderete conto di quanto sia importante. Non bisogna sprecarla! Pensate a tutti i modi in cui gli uomini sfruttano gli oceani e le altre fonti d’acqua: li usano come riserva di cibo, via di trasporto, deposito di rifiuti, fonte di energia elettrica e divertimento. Molti pensano che gli oceani siano una scorta d’acqua infinita. Purtroppo non è così e dobbiamo cambiare il modo di pensare e di agire. Tutti possiamo dare una mano a proteggere i laghi, i torrenti, i fiumi e gli oceani. Potete cambiare la situazione diventando investigatori di perdite, risparmiatori d’acqua e amici delle spiagge. TESTI per CAPIRE ● In questo testo ci sono delle affermazioni sottintese; prova a scoprirle riflettendo su alcune espressioni e completale con esempi trovati da te. Gli uomini usano gli oceani e le altre fonti d’acqua: • come riserva di cibo: significa che ……………………….......………….... • come via di trasporto: significa che ………...............…….……...………. • come deposito di rifiuti: significa che ………………………...........…… • come fonte di energia: significa che ………...............…….…………...... • come fonte di divertimento: significa che ………...............…….…..... PAROLE per PENSARE  star bene a scuola INVESTIGATORE DI PERDITE ● Con l’aiuto di un adulto puoi provare a realizzare l’attività di… “investigatore di perdite”!Individua dove è collocato il contatore dell’acqua in casa tua e rileggi con attenzione come procedere. Porta a scuola i dati della tua rilevazione e discutine con i compagni. Ecco come diventare investigatori di perdite d’acqua... Se un rubinetto che perde riempie una tazzina in 10 minuti, quanta acqua verrà sprecata in un anno? Tanta da riempire: A. 1 bottiglia B. 1 vasca da bagno C. 52 vasche da bagno Se non sapete la risposta, leggetela capovolgendo il libro, poi mettetevi alla ricerca di perdite d’acqua nascoste in casa vostra. Possono trovarsi dietro i muri, nei rubinetti, nei gabinetti o anche in giardino, nella pompa per innaffiare. La vostra missione come investigatori di perdite è quella di scovare fughe nascoste e di bloccarle. Che cosa si può fare: 1. Imparate a leggere il contatore dell’acqua che si trova di solito in un angolo della cantina o sul muro esterno di casa (nei condomini si trova in un locale apposito in cantina). La prima volta fatevi aiutare da un adulto. 2. Scegliete un momento in cui tutta la famiglia sarà fuori casa e nessuno userà l’acqua, ad esempio quando andate tutti al cinema o a fare la spesa. 3. Prima di uscire annotate su un foglio il numero esatto riportato sul contatore. 4. Tornati a casa, fate una seconda lettura del contatore. Se il numero è diverso avete individuato la presenza di una perdita! CHI TANTO e CHI POCO L’ACQUA POTABILE, CIOÈ BUONA DA BERE, È SCARSA SU TUTTO IL PIANETA, PERÒ LA MANCANZA D’ACQUA NON COLPISCE TUTTI ALLO STESSO MODO. UN PO’ DI NUMERI: • L’11 per cento della popolazione della Terra consuma l’89 per cento dell’acqua disponibile e un quarto dell’umanità soffre la sete. • 2 litri al giorno è la quantità minima di acqua per tenerci in vita, 50 litri almeno per vivere decentemente, lavarci, cucinare e abitare in una casa pulita. • Un africano benestante ha a disposizione circa 20 litri di acqua al giorno (metà di quella che noi usiamo per una doccia), ma nelle zone più povere si scende anche a 5 litri. • In Egitto la disponibilità d’acqua è di 56 metri cubi per abitante, in Islanda è di 600 mila metri cubi! Francesca Capelli, Otto Gabos, Amo l’acqua, Giunti Progetti Educativi